Sacile WiFi: già 163 gli utenti iscritti a 2 mesi dall’attivazione

A soli 2 mesi dall’attivazione presso gli hot spots della Biblioteca civica e del centro giovani Zanca (ex Nievo) sono molti coloro che si sono iscritti per usufruire del servizio gratuito promosso dal Comune di Sacile. A leggere le statistiche riportate di seguito si può apprezzare il grado di partecipazione in termini di numero di iscritti ed ore di connessione.


Totale Biblioteca Zanca/Ex Nievo
Utenti attivati 163 74 89
Tempo tot di connessione 979h 345h 634h
Traffico in download 106GB 38GB 68GB
Traffico in upload 9GB 2GB 7GB

Regionali, i giovani ascoltano i candidati

Dal Messaggero Veneto di martedì 2 Aprile 2013

Serata dedicata alle elezioni regionali venerdì a Sacile. L’iniziativa è promossa dai Cittadini per Sacile ed è dedicata ai giovani. Appuntamento alle 21 nella sala Brugnacca del Centro Giovani Zanca. «Si tratta – spiega il coordinatore dei Cittadini, Massimo Cadel – di un incontro rivolto ai giovani sacilesi al quale saranno presenti tutti i candidati sacilesi di ogni schieramento. Non si tratterà di un comizio elettorale come qualcuno potrebbe pensare. I candidati, infatti, saranno a disposizione del pubblico per rispondere alle domande e ascoltare istanze che riguardano la città».

Consiglio Comunale: istruzioni su come perdere e far perdere tempo

Lunedì 25 marzo 2013,ore 19, Palazzo Ragazzoni, Consiglio Comunale.
E’ possibile che si dibatta per un’ora delle dimissioni dell’ex assessore Sanson? Completa solidarietà a Sanson, avrà avuto i suoi legittimi motivi lavorativi come da lui già spiegato, ma è possibile parlarne per un’ora?

La serata probabilmente non è fortunata perchè poi si passa ad un ODG “urgente” sulla necessità da parte dell’Amministrazione di prendere una posizione in merito alla nota vicenda dei due Marò. Anche qui, massima solidarietà ai due militari (innocenti o colpevoli che siano) ma è possibile ed opportuno che ogni consigliere prenda la parola per farci la cronaca dei titoli di giornale delle ultime settimane e per prendere posizioni quantomai scontate sull’argomento? Sono la sede ed il modo giusto per dibatterne?
Putroppo, o per fortuna, il mio Consiglio come spettarore finisce qui, prima delle votazioni su questo ultimo ODG, ma non posso che sottolineare come con questi atteggiamenti, uniti all’usuale sistema di discussione dove ogni oratore sembra parlare per il piacere di ascoltare la propria voce, allontanino ancora di più il cittadino dalla politica.
Francesco

Dotazioni informatiche per modernizzare il dialogo

Dal Messaggero Veneto di Mercoledì 20 marzo 2013

Prosegue in riva al Livenza il lavoro per la modernizzazione della comunicazione istituzionale tra il Comune e i cittadini. “Smart Sacile” il titolo del programma seguito, con delega da parte del sindaco Roberto Ceraolo, dal consigliere comunale Alberto Gottardo (Attivasacile.it). Sito internet. «L’iter per il nuovo sito comunale – riferisce Gottardo – sta rispettando le tempistiche preventivate e siamo fiduciosi di poter rispettare la scadenza annunciata per giugno. Dopo aver definito Insiel quale partner, sono in via di definizione gli automatismi di scambio dei dati fra l’intranet comunale e il sito, in modo da non dover inserire le informazioni due volte, garantendo un notevole sgravio di lavoro e costi. Questa è la parte del lavoro più complessa e lunga in termini di tempo, ma rappresenta la vera innovazione del nuovo sito. Sacile dialoga. «Il progetto – sottolinea il consigliere delegato – volto a rinnovare la partecipazione alla vita pubblica della cittadinanza, la trasparenza delle attività dell’amministrazione e il dialogo con il cittadino verrà attivato indicativamente con il nuovo sito internet. Stiamo al riguardo cercando dei volontari, possibilmente dotati delle necessarie competenze, ma che abbiano soprattutto voglia di fare e di dare il proprio contributo alla città occupandosi di creare i contenuti multimediali che verranno messi in rete per comunicare con la cittadinanza». Wi-fi. «Contiamo – annuncia il rappresentante di Attivasacile.it – di poter attivare entro marzo il primo access point in biblioteca. La cablatura necessaria, infatti, è stata completata e gli apparati (uno per piano per garantire una copertura del segnale ottimale) installati. Manca solamente l’attivazione da parte della ditta fornitrice. Stiamo ora calendarizzando le operazioni di cablatura nelle altre sedi (ex Nievo, palazzo Ragazzoni, ex chiesa di San Gregorio) interessate al progetto che verranno nell’ordine attivate in rapida sequenza». L’iniziativa, tra l’altro, secondo quanto anticipa il consigliere, verrà presentata pubblicamente, essendo intenzione dell’amministrazione comunale aprire a commercianti e privati interessati a dotarsi dello stesso sistema in modo da coprire così nel tempi aree sempre più vaste della città. «Ricordo – rimarca il consigliere – che ci si registrerà in modo semplice tramite un sms e con le stesse credenziali ci si potrà collegare in ogni parte della città coperta dal segnale. Questo potrà dare la possibilità di sfruttare, ad esempio, le potenzialità dei codici QR in occasione di mostre o manifestazioni, offrendo tour virtuali (di opere e palazzi) o qualunque altro genere di informazioni. Hardware comunale. Già conclusi i lavori di razionalizzazione e miglioramento dell’infrastruttura per ottenere maggior sicurezza e prestazioni. «Quindi minori costi – precisa Gottardo –, oltre ad essere attività propedeutica al nuovo sito internet. Sono state infine sostituite venti postazioni computer obsolete». (m.mo.)